I want to be a Soldier – Recensione

I Want To Be a Soldier, film scritto e diretto da Christian Molina e recentemente proiettato nelle sale cinematografiche italiane, narra la vita di un bambino trascurato dai genitori, che trova rifugio e ispirazione nella televisione; in particolare il giovane protagonista Alex, rimane così estasiato dalle immagini di guerra e di sangue che decide di diventare soldato, abbandonando così i sogni di astronauta

La nascita dei suoi due fratellini e le continue incomprensioni familiari, inducono Alex a crearsi una vita immaginaria, fatta di guerriglie, violenza, per l’amore della patria, senza sapere che questo percorso lo trasformerà radicalmente.

Il film I want to be a Soldier è prodotto anche dall’italiana Valeria Marini, mostra chiari cedimenti per una sceleggiatura assolutamente priva di originalità, spesso confusa ed oltretutto prevedibile.

lo scontro generazionale tra genitori e figli, che poteva essere trattato in un modo più efficace e reale, viene affrontato in modo semplicistico e scontato, mentre la televisione viene divinizzata quasi a farla prendere il sopravvendo sull’elemento genitoriale.

Un film populista che vanta però della preziosa interpretazione di Fergus Riordan (Alex), il quale sta già preparando un nuovo film per il grande schermo da protagonista, affiancato da Nicolas Cage in “Ghost Rider: Spirit of Vengeance”, prossimo all’uscita.

Guarda il Trailer di I want to be a Soldier

[youtube height=”HEIGHT” width=”WIDTH”]httpv://www.youtube.com/watch?v=j4sH8DcROuE[/youtube]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×