Addio Pietro Taricone‏

La tv la nostra amica (nemica) che ci tiene compagnia nell’intrattenimento, informazione, svago, cultura ha un potere forte come quello del senso di comunità, di appartenenza. I personaggi che vengono filtrati attraverso il media giungono a noi familiari quasi da associarli ad una quotidianità, ad un legame reale seppur catodico.

L’affezione ad un artista aumenta della propria valenza, facendoci sentire coinvolti in prima persona proprio quando uno di loro che ci ha accompagnato, in qualsiasi tipologia di comunicazione sia, nelle nostre giornate scompare per sempre.
E’ stata proprio la morte di un ragazzo, definirlo solo artista sarebbe riduttivo, un uomo di 35anni convivente e padre di una bimba a lasciare il mondo terreno. Pietro Taricone “o’ guerriero” del Grande Fratello 1, il capostipite dell’evento mediatico/sociologico, ci ha salutati prematuramente stanotte alle 2 dopo un intervento durato più di  9 ore; a tal proposito nel momento dell’incidente l’ANSA riportava la seguente notizia “L’incidente è avvenuto presso l’aviosuperficie dove l’attore stava partecipando a un corso di sicurezza in volo per paracadutisti esperti. Come appena ricostruito da Sergio Sbarzella, presidente dell’Azienda trasporti consorziali di Terni che gestisce anche l’aviosuperficie, Taricone ha ritardato la manovra di frenata prevista a 50 metri da terra, atterrando quindi a una velocità superiore a quella prevista. E’ rimasto gravemente ferito per la caduta che è seguita“.
Purtroppo il giovane attore di Caserta non c’è l’ha fatta, le lesioni interne riportate nello schianto erano talmente gravi che non sono riusciti a salvarlo; Il decesso dell’attore, nato a Frosinone, è avvenuto nella notte nel reparto rianimazione dell’ospedale a causa, pare, di avvenute complicazioni.
Lascia così la compagna Kasia Smutniak (nota attrice) e la loro piccola figlia Sophie di sei anni, con l’inevitabile sgomento dei famigliari e degli amici che sono rimasti lì a vegliarlo nella preghiera, con la speranza di un miracolo.
Ci saluta così una persona che ha saputo diventare uno di noi, ma non per la sua partecipazione al reality, ma per la sua bontà e genuinità che ha saputo sempre mostrare nel corso di questi anni. Ha saputo crescere nella sua professione, eliminando così lo stereotipo di “concorrente recluso” ad attore impegnato. Proprio nel momento in cui La5, il nuovo canale del DDT, per festeggiare i dieci anni del GF sta ritrasmettendo la prima edizione è giusto ricordare i progetti che Pietro ha saputo realizzare nel corso degli ultimi anni:

Ha partecipato ai film “Ricordati di me” di Gabriele Muccino, “Radio West“, “Maradona” ; Fiction quali “Distretto di polizia“, “Codice Rosso“, “La nuova squadra“, “Don Gnocchi“, e “Tutti pazzi per amore“. Recentemente ha preso parte alla nuova fiction di Canale 5, “La famiglia Gambardella” in onda nella prossima stagione di Canale5.


Pietro ci mancherai!

Prima di chiudere il “post” ho trovato in rete un video, tratto proprio dalla puntata di stamani di “Uno Mattina” in cui viene contattata telefonicamente la vincitrice del GF1 “Cristina Plevani”. Riporto il video tratto da youtube proprio per l’orrore che ho sentito nell’intervista: La donna al telefono prova ad esprimere sentitamente e con commozione il suo dolore, precisando più volte che la loro conoscenza era ferma al solo rapporto mediatico con l’attore, ma purtroppo per “dovere scandalistico e gossipparo” il presentatore Diaco riporta il discorso sulla loro storia d’amore al fine di fare solo e del semplice “pettegolezzo”. Permettetemi di dire: Decisamente scandaloso, ma questa è la TV Italiana e le “nuove” leve

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×