La solitudine dei numeri primi – Il Film – Recensione

La solitudine dei numeri primi dopo lo strepitoso successo letterario è sbarcato al cinema lo scorso settembre diretto da Saverio Costanzo.

La trama (che potete trovare qui) è totalmente stravolta, spesso priva di mordente costituita da silenzi interminabili che dovrebbe portare ad una riflessione, ma che risulta poi non pervenuta.

Non è la prima volta che un testo campione di incassi venga riprodotto in chiave cinematografica, ed inevitabilmente sia l’adattamento per la pellicola, che la modifica del linguaggio, storpiano, spesso, l’anima del racconto quasi da portare il tutto su una linea sensoriale decisamente diversa dall’originale.
Il regista tralascia tanti punti nodali e focali che sono propri del racconto e che una volta mancati nel film, cambiano decisamente la struttura

Non viene assolutamente preso il considerazione il rapporto che Mattia ha con il padre, nè quello di Alice ha con la madre; situazioni che entrambe caratterizzeranno il loro carattere. Assente è anche il percorso personale che Mattia fa per il suo viaggio di ricerca, in cui si crea una vita parallela a quella lavorativa.
Troppi sono i silenzi che annoiano lo spettatore, staccandolo da una concentrazione fittizia che sfocia in una irrefrenabile voglia di vedere i titoli di coda, proprio per il mancato coinvolgimento del racconto.

C’è però da dire che il cast è stato azzeccato. Seppur non ho apprezzato questa nuova versione del racconto, devo dire che i protagonisti Alba Rohrwacher (Alice), e l’esordiente Luca Marinelli (Mattia) hanno incarnato bene i loro personaggi, ma davanti ad un testo storpiato perdono della loro veridicità, cascando così in una interpretazione anonima.

 

Un pensiero su “La solitudine dei numeri primi – Il Film – Recensione

  1. Irene dice:

    Ciao Andrea, non rende molto il libro, la protagonista femminile nel libro sostiene più positivamente Mattia, nonostante il dramma di entrambi.nel film poi manca la figura della tata, Soledad, rilevante per Alice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×